Il Ministero dei Trasporti ha rilasciato una Nota esplicativa, che trovate in allegato, relativa alla nomina del Consulente Sicurezza trasporti (Consulente ADR) da parte degli Speditori (ovvero le imprese che spediscono le merci per proprio conto o per conto terzi), una delle principali novità di cui abbiamo parlato qui, obbligatoria 1° gennaio 2023.

La nota (specifichiamo che si tratta di una nota esplicativa e che come tale non può derogare da una legge), specifica che tale obbligatorietà varrà, fatte salve tutte quelle circostanze in cui è prevista l’esenzione (o la non obbligatorietà).

Ecco un estratto:

“Il quadro normativo vigente, infatti, prevede il configurarsi di particolari condizioni di trasporto in concomitanza delle quali i soggetti assoggettabili all’obbligo di nomina del consulente per la sicurezza possono essere esentati da tale onere.
Il punto 1.8.3.2 dell’accordo ADR prevede che la nomina del consulente ADR si possa non applicare alle imprese:


Tenuto conto che le attuali esenzioni in Italia sono disciplinate dal decreto ministeriale 4 luglio 2000 e chiarite dalla relativa circolare 14 novembre 2000, n. A26, le stesse esenzioni si applicano agli speditori che si trovano nelle medesime condizioni operative. Anche nelle condizioni di non obbligatorietà dalla nomina del consulente per la sicurezza, comunque, gli operatori coinvolti dovranno ottemperare alle prescrizioni sancite dall’accordo.”

Occorre sottolineare che le esenzioni previste dall’ADR al par. 1.8.3 possono essere applicate, come dice l’ADR stesso, solo con decisioni delle Autorità Competenti di ciascun Stato membro. La nota esplicativa di cui sopra, sostiene quindi che le esenzioni disciplinate dal D.M. 4 luglio 2000 e chiarite dalla Circolare n. A26 del 14 novembre 2000 (esenzioni dalla nomina per operazioni di trasporto, carico e scarico), si possano applicare anche agli Speditori, che quindi sarebbero esenti dall’obbligo di nomina del Consulente.
Tuttavia, ci sembra opportuno chiarire alcuni punti:

Inoltre “la circolare ministeriale, interpretativa di una disposizione di legge, è, in linea di principio, un atto interno finalizzato ad indirizzare uniformemente l’azione degli organi amministrativi, privo di effetti esterni”(Consiglio di Stato, sez. III, 26 ottobre 2016 n. 4478); infatti “Le “circolari interpretative” sono un atto interno alla pubblica amministrazione che si risolvono in un mero ausilio interpretativo e non esplicano alcune effetto vincolante non solo per il giudice penale ma anche per gli stessi destinatari perché non possono comunque porsi in contrasto con l’evidenza del fatto normativo” (Cass. Pen. sez III, sentenza 17.05.2012, n. 19930)
L’ADR è un Accordo transnazionale, nasce da una Direttiva UE e viene recepito con Decreto Ministeriale. È facile comprendere quindi che una Circolare interpretativa non può modificare norme superiori indicando una esenzione che non è prevista dal dispositivo di legge stesso.

In base a quanto sopra, in attesa di disposizioni normative aventi valore di legge, che modifichino o integrino i precedenti Decreti, un’azienda che effettua attività anche solo saltuaria di “spedizione” o “imballaggio” di merce pericolosa, a nostro avviso deve nominare il Consulente ADR.

La IATA ha pubblicato il primo Addendum alla 64a edizione del manuale IATA DGR, in vigore a partire dal 1° gennaio 2023.

Si evidenzia, in particolare, la creazione di un periodo transitorio di tre mesi durante il quale sarà ancora possibile usare l‘UN 1169 Extracts, aromatic, liquid, soppresso nella nuova edizione del manuale.

In allegato, il documento completo. Cliccando su questo link, invece, sarà possibile conoscere tutte le principali novità dell’edizione 2023.

 

Siamo felici di comunicare che DGR Training è stata ufficialmente riconosciuta da IATA come CBTA Training Center!

Ricordiamo che il CBTA (Competency Based Training Assessment), nuovo programma per la formazione, diventa obbligatorio per tutte le aziende, e che la responsabilità della formazione è a carico di ciascun datore di lavoro.
Siamo a vostra disposizione per approfondire l’argomento: contattateci per conoscere i dettagli.

 

Per quanto riguarda il trasporto marittimo, tra le ultime pubblicazioni segnaliamo:

– La Circolare non di serie n. 27/2022 , che ha come argomento la determinazione della massa lorda verificata del contenitore (Verified Gros Mass packed container – VGM) – Abrogazione e sostituzione del modello di comunicazione in allegato 1 alla Circolare S.G. n. 164/2021.

– La Circolare Serie Merci Pericolose: n. 42/2022, relativa al trasporto di carichi solidi alla rinfusa non elencati nel Codice IMSBC – Sezione 1.3. – Abrogazione e sostituzione Modello in allegato 1 alla Circolare Serie Merci pericolose n. 39/2021.

– La Circolare Serie Merci Pericolose: n. 43/2022 relativa alle procedure di campionamento, test e controllo del contenuto di umidità di carichi solidi alla rinfusa e alla procedura per l’ammissione al trasporto marittimo di fanghi di dragaggio con umidità superiore al TML. – Abrogazione e sostituzione Modelli in allegato 1 e 5 alla Circolare Serie Merci pericolose n. 40/2022.

 

In allegato, i PDF scaricabili.

Lo scorso 24 ottobre è stata pubblicata la Direttiva (UE) 2022/1999 (in allegato), che sostituisce la precedente 95/50/CE, e si applica ai controlli che gli Stati membri esercitano sui trasporti su strada di «merci pericolose effettuati per mezzo di veicoli che circolano nel loro territorio o che vi entrano in provenienza da un paese terzo», mentre non riguarda i trasporti effettuati da veicoli che appartengono alle forze armate.

Nella Direttiva, vengono confermati:
– la “lista di controllo” in 34 punti (prevista dall’Allegato I), che deve essere consegnata al conducente del veicolo in caso di esito positivo della verifica;
– gli “orientamenti” in materia di infrazioni basati su 3 categorie di rischio;
– il modello di formulario normalizzato per la stesura delle relazioni da parte degli Stati membri.

Segnaliamo, inoltre:

Ricordiamo, infine, che dal 1° gennaio 2023 anche gli “speditori”, come definiti da ADR (ovvero le imprese che spediscono le merci per proprio conto o per conto terzi), devono obbligatoriamente nominare il Consulente ADR. Leggi di più in merito seguendo questo link.

 

ADR – Nel pdf allegato, troverete le principali novità dell’edizione 2023 del manuale ADR.

Segnaliamo, in particolare, l’obbligo dal 1° gennaio prossimo della nomina del Consulente ADR per tutte le aziende mittenti.

La IATA ha reso note le principali novità che troveremo nella 64a edizione del manuale IATA DGR, in vigore a partire dal 1° gennaio 2023.
Tra queste:

– sono state riviste alcune disposizioni riguardanti le merci pericolose trasportate dai passeggeri (ed, in particolare, i dispositivi per la mobilità alimentati da batterie) per chiarire che le batterie devono essere rimosse solo quando il progetto dell’ausilio per la mobilità non fornisca una protezione adeguata contro i danni alla batteria stessa.

– Per quanto riguarda le Batterie al Litio è stato eliminato l’obbligo di Test Summary per le pile a bottone installate nei dispositivi.

– E’ stata modificata la quantità netta massima per collo su aeromobili cargo per l’UN 2794, l’UN 2795, e l’UN 3292, da “No limit” a 400 kg.

– Sono state modificate alcune voci al capitolo 4. Da notare, in particolare, la soppressione dell’UN 1169, Extracts, aromatic, liquid e il cambio del proper shipping name  per quanto riguarda l’UN 1197.

– Nella PI Y963 (consumer commodity) sono stati rimossi i dettagli degli aerosols di metallo e di plastica ed è stata standardizzata la capacità di 1000 mL per i contenitori metallici e 500 mL per i contenitori di plastica.-la PI 870 è stata modificata per specificare che quando le batterie sono installate nei dispositivi, la classificazione corretta è UN 3171, Battery-powered equipment, e si applica la PI 952.

– Nelle istruzioni PI 965 e PI 968, in aggiunta al test di caduta da 1,2 metri già previsto, quando si applica la Sezione IB l’imballaggio deve essere in grado di resistere alla prova di impilamento di 3 m.

-Il marchio della batteria al litio è stato rivisto per rimuovere lo spazio previsto per il numero di telefono (requisito non più obbligatorio).

-Il periodo transitorio per la frase da inserire in AWB è stato prorogato di ulteriori due anni.

Consulta il PDF allegato per conoscerle tutte!

Si segnala l’aggiornamento della pagina Enac relativa alla segnalazione degli eventi aeronautici.

 https://www.enac.gov.it/sicurezza-aerea/flight-safety/segnalazione-eventi-aeronautici

 Nello specifico, per le Merci Pericolose, si rimanda al sistema eE-Mor

Come citato nell’Art 16 del Regolamento per il Trasporto di Merci Pericolose del 2/7/2019, che potete trovare QUI, tutti i soggetti sono tenuti alla segnalazione di eventi che coinvolgano merci pericolose non dichiarate o non correttamente dichiarate.

I soggetti obbligati al riporto degli eventi relativi alle merci pericolose sono:

(a) Operatori, Gestori Aeroportuali e Handler in accordo al Reg. (EU) 376/2014 – art. 4 c. 6)

(b) altri soggetti come speditori (shipper), spedizionieri (freight forwarder), autorità doganali, security screening providers in accordo a ICAO Doc. 9284 e quindi al Regolamento ENAC sul “Trasporto Aereo delle Merci Pericolose.

L’IMO (International Maritime Organization) ha rilasciato un documento relativo ai corrigenda del manuale Em. 40/2020 dell’edizione originale inglese. Ecco le principali correzioni: 

– Modifiche minori alle disposizioni sulla classificazione nella parte 2
– Modifiche minori alle Disposizioni speciali tra cui la nuova SP399
– Cancellazione di SW1 da UN 1056
– Nuovo paragrafo 4.1.2.2 (rielaborazione di 4.1.2.2.1 e 4.1.2.2.2)
– Piccole modifiche alle istruzioni di imballaggio P802, IBC08, LP622 e LP906
– Modifica agli esempi di descrizione delle merci pericolose in 5.4.1.4.4
– Chiarimento di alcune diciture per la segregazione dei prodotti alimentari 
– Aggiornamento di alcune Autorità Competenti 

In allegato, il documento.

Segnaliamo che, sul sito UNECE, è possibile consultare la lista delle Autorità Competenti italiane in ambito ADR, che è stato aggiornato:
https://unece.org/sites/default/files/2022-05/Italy_2022-05.pdf
Inoltre, il 17 giugno, il nostro Paese ha sottoscritto l’accordo Mulilaterale M345 – Transport of UN 2672 ammonia solution in IBCs with a vapour pressure of more than 110kPa (1.1bar) at 50°C or 130 kPa (1.3 bar) at 55°C , che trovate in allegato.